Bucharest | Budapest | Florence | Guangzhou | Istanbul | Kiev | Milan | Moscow Paris | Rome | Santiago of Cile | Shanghai | Sofia | Split | Tbilisi | Tirana

Sviluppo del potenziale

In un contesto che richiede una crescente capacità di generare valore, innovare e innovarsi, i talenti sono la risorsa più importante nelle mani delle organizzazioni. Essere in grado di sviluppare le potenzialità delle risorse chiave diviene quindi la sfida principale per i professionisti HR.

La mappatura e la valutazione del potenziale di un’azienda rappresentano un momento fondamentale della gestione HR. Tuttavia, questo è solo il punto di partenza per la progettazione di interventi e piani di sviluppo personalizzati, articolati e ancorati a modelli scientifici, così da garantire una crescita delle risorse chiave che proceda in linea con le caratteristiche dell’azienda di oggi e di domani.


Il processo di consulenza

 

L’intervento si avvale dei development center, una metodologia orientata allo sviluppo delle potenzialità aziendali per garantire il rafforzamento del grado di coinvolgimento, soddisfazione ed engagement delle risorse.

Giunti HDU propone development center inseriti all’interno di percorsi di crescita e formazione che si caratterizzano per l’ancoraggio a strumenti scientificamente fondati che, utilizzati in auto ed eterovalutazione, rappresentano per i partecipanti delle importanti occasioni di riflessione e sviluppo.

L’eterovalutazione permette di rilevare le caratteristiche delle persone attraverso l’osservazione esterna e integrata degli assessor. L’autovalutazione consente invece di ottenere una serie di informazioni sulla persona che, non essendo colte in eterovalutazione, rappresentano un valore aggiunto – l’idea di sé, la rappresentazione delle proprie caratteristiche, la convinzione di possedere determinate capacità. L’autovalutazione permette al valutato di riflettere sui propri punti di forza e di debolezza e al valutatore di adottare un diverso punto di vista.

Nei development center, l’assessor assume un ruolo di osservatore e facilitatore: restituisce un feedback immediato e fornisce modelli e tecniche di riferimento per applicare l’esperienza formativa nella propria attività lavorativa. Con questa metodologia, dunque, la persona non acquisisce solo maggiore consapevolezza di sé ma apprende e interiorizza modelli, teorie e comportamenti per potenziare i punti di forza e intervenire sulle aree di miglioramento emerse. L’enfasi sullo sviluppo diviene così ancora più marcata e genera una maggiore responsabilizzazione del valutato, sia nella preparazione che nell’implementazione del piano di sviluppo.