Bucharest | Budapest | Florence | Guangzhou | Istanbul | Kiev | Milan | Moscow Paris | Rome | Santiago of Cile | Shanghai | Sofia | Split | Tbilisi | Tirana

Benessere organizzativo e sviluppo dell'engagement

Con l’entrata in vigore del d.lgs. n. 81/08, che considera lo stress lavoro-correlato uno dei principali fattori di rischio per la sicurezza e la salute dei lavoratori, la promozione del benessere organizzativo è diventato un tema centrale nelle aziende.

Oltre che necessaria ai fini legislativi, l’analisi delle condizioni di stress lavoro-correlato è il punto di partenza per realizzare percorsi di sviluppo dell’engagement e del benessere organizzativo, fattori determinanti per il successo aziendale.

Il processo di consulenza

 

L’intervento Giunti HDU coniuga l’analisi dei fattori di rischio stress lavoro-correlato con lo sviluppo dell’engagement. Il processo di consulenza si avvale dell’OCS – Organizational Checkup System, uno strumento messo a punto sulla base della versione più avanzata dei costrutti di job engagement/job burnout proposta a livello internazionale da Christina Maslach. Questo strumento permette di:

  • mappare il contesto organizzativo attraverso la rilevazione delle sei aree della vita lavorativa che rappresentano il punto di incontro tra l’ambiente e le persone;
  • misurare tre processi di gestione su cui intervenire per migliorare il grado di sintonia tra le persone e l’ambiente di lavoro;
  • rilevare la percezione del personale nei confronti dei cambiamenti organizzativi.

Lo sviluppo dell’engagement è un percorso che parte dalla fase di check-up per arrivare all’intervento vero e proprio. Il check-up è l’intervento che “fotografa” lo stato di benessere/malessere dell’organizzazione, integrando il grado di job engagement/job burnout percepiti con le risorse e i vincoli aziendali. Il check-up consente di individuare sia i processi aziendali dove si concentra il disagio che le leve organizzative e gestionali su cui incentrare lo sviluppo dell’organizzazione.

Una volta messi in luce i punti di forza e le aree di miglioramento individuali e organizzativi si identifica il piano di intervento, che mira al miglioramento del rapporto tra la persona e il contesto lavorativo. Ogni intervento di cambiamento è costruito ad hoc affinché sia coerente con le peculiarità dell’azienda e con i risultati emersi in fase di check-up.

Sono questi risultati quelli che, sintetizzati in un report, permettono di impostare azioni di intervento mirate, specifiche e orientate tanto alla costruzione del job engagement che alla prevenzione del job burnout.