Almaty | Bucharest | Budapest | Florence | Guangzhou | Istanbul | Jerusalem | Kyiv | Lisbon | Madrid | Milan | Moscow | Paris | Rome | Santiago of Chile | Shanghai | Sofia | Split | Tbilisi | Tirana | Valletta

Viaggio dell'eroe

Un viaggio nella consapevolezza della leadership


Una profonda immersione nel proprio stile di guida in qualità di responsabile della gestione aziendale e dei rapporti che l’azienda sviluppa con gli stakeholder

 

Gli aggettivi utilizzati con più frequenza per descrivere lo scenario in cui si muovono oggi le organizzazioni sono: veloce, incerto, mutevole. I paradigmi organizzativi sono di conseguenza in continua evoluzione ma resta sempre forte, oggi più che mai, l’esigenza di supportare le persone affinché esprimano il meglio di sé e delle risorse che collaborano con loro.

Essere guida è un’esperienza di crescita ed evoluzione continua, non il risultato di un processo di leadership. I nuovi comportamenti manageriali scaturiscono da persone capaci di riconoscere, a livello mentale ed emotivo, i loro pensieri costruttivi, aperti, flessibili. Riconoscere e indirizzare consapevolmente questo processo, che per ognuno è unico, distintivo e diverso, è un passaggio accrescitivo e potenzialmente migliorativo.

È pertanto necessario lavorare sul modello equivalente di leader sviluppato dal singolo, individuando i momenti in cui si irrigidisce su uno stadio disfunzionale e riconoscendone pensieri, emozioni e potenzialità positive per il cambiamento e il miglioramento.


In evidenza

 
  • Il “Viaggio dell’Eroe” rappresenta un percorso di formazione e crescita personale che offre un modo nuovo di vedere e mettere in atto le proprie potenzialità. Il percorso è destinato a tutti coloro che fanno della relazione interpersonale lo “strumento manageriale” tipico della loro attività professionale.
  • Il coaching rappresenta un importante strumento di empowerment che completa il percorso di formazione incrementandone l’efficacia. Il formatore-coach offre una consulenza di processo fortemente orientata all’agire supportando sul campo il manager nel raggiungimento degli obiettivi di miglioramento.
  • L’efficacia e la continuità dell’attività di coaching è potenziata dalla somministrazione in autovalutazione del nostro test LJI - Leadership Judgement Indicator costruito per essere usato principalmente nei contesti organizzativi con l’obiettivo di sviluppare l’efficacia della leadership decisionale

L'intervento

 

Il modello del “Viaggio dell’Eroe” si rifà ai Cavalieri della Tavola Rotonda, il corpo di guide per eccellenza in grado di condurre autonomamente proseliti in comune accordo e condividere collegialmente questioni, sorti, risorse, strategie diversità nel sottile gioco di limiti, capacità e potenzialità.

Il percorso offerto dal “Viaggio dell’Eroe” permette una riflessione pratica e sistemica sul proprio percorso di guida, leadership, riferimento.
Il lavoro è centrato sul modello teorico di Carol Pearson che individua dodici “archetipi” (riferimenti esistenziali) che ogni persona ripercorre nella propria evoluzione individuale. Si tratta di un metodo che, sfiorando i temi collegati all’analisi del carattere, utilizza strumenti e tecniche che lasciano al singolo l’intenzione e la profondità dell’analisi e della condivisione di essa. A ognuno dei dodici archetipi corrisponde un preciso stile di leadership. Alcuni archetipi della leadership sono più funzionali di altri per affrontare scenari complessi in continua evoluzione.

La consapevolezza del proprio stile di leadership permette di far emergere i punti di forza o i fattori inibenti per:

  • orientare il comportamento dei collaboratori verso i valori aziendali;
  • sviluppare la capacità di creare relazioni di fiducia e supporto tipiche del ruolo di coach (e quindi non direttive);
  • pensare e agire in modo riflessivo e oggettivo, garantendosi credibilità;
  • leggere gli scenari e organizzare le attività in una prospettiva strategica, dando prova di solido buonsenso;
  • prevedere le conseguenze delle azioni manageriali in una logica di medio e lungo periodo; 
  • sviluppare una politica di saggezza, sostenuta da maturità personale e professionale;
  • dialogare efficacemente con tutti gli stakeholder.