Bucharest | Budapest | Florence | Guangzhou | Istanbul | Kiev | Milan | Moscow Paris | Rome | Santiago of Cile | Shanghai | Sofia | Split | Tbilisi | Tirana

Sara Assicurazioni



Situazione

Sara Assicurazioni, Assicuratrice ufficiale dell’Automobile Club d’Italia, è una Compagnia innovativa ma di lunga tradizione, è la Compagnia assicurativa per la famiglia, riferimento per tutte le esigenze di sicurezza patrimoniale, personale e del tenore di vita dell’individuo.
Sara è alla guida di un Gruppo assicurativo presente nella Previdenza Integrativa e nel Business To Business. Il Gruppo comprende circa 650 dipendenti.
L’organizzazione commerciale è articolata in circa 500 agenzie e circa 1500 subagenzie per una capillare copertura del territorio.
La rete liquidazione danni conta circa 30 sedi dislocate nei principali capoluoghi proviciali.
Oltre a Sara Assicurazioni, fanno parte del Gruppo:

  • Sara Vita, compagnia specializzata nell'area del risparmio, della previdenza e della tutela, con un’offerta articolata anche nell’area degli investimenti;
  • Ala Assicurazioni, compagnia focalizzata nella gestione di coperture assicurative per aziende e collettività.

Dal 1946 ad oggi, l’azienda ha vissuto importanti evoluzioni; nell’attuale contesto socio-economico, consapevole che il capitale umano rappresenta la più importante risorsa per l’organizzazione, ha deciso di intraprendere un processo di valorizzazione e sviluppo delle competenze e potenzialità delle popolazioni aziendali chiave.
Sara Assicurazioni aveva la necessità di impostare delle azioni di sviluppo realmente coerenti con le caratteristiche delle sue risorse, al fine di massimizzare l’efficacia degli interventi e di comunicare alle sue risorse una attenzione personalizzata ai singoli bisogni formativi.
In un momento in cui il successo delle organizzazioni è legato, più che ai profitti di oggi, alla capacità di generare valore domani, il vero vantaggio competitivo è il patrimonio di conoscenze e competenze e come si riesce a utilizzarle e farle fruttare per il futuro.
E’ in questo scenario che si colloca il progetto, realizzato in collaborazione con la Human Development Unit di Giunti O.S.; che ha consentito di cogliere e misurare competenze e potenzialità di alcune popolazioni aziendali chiave, restituendo all’organizzazione un quadro completo del patrimonio di cui dispone, per poterlo valorizzare appieno attraverso percorsi di formazione e sviluppo costruiti ad hoc sulla base delle reali esigenze emerse dalla fase di analisi.
L’intervento proposto ha supportato l’azienda in questo processo di conoscenza e sviluppo attraverso le metodologie e gli strumenti Giunti O.S., standardizzati sulla popolazione italiana e fondati su modelli riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale, che, consentono di raccogliere informazioni obiettive e standardizzate, confrontando i comportamenti delle persone con il pool di core competencies rilevanti per l’organizzazione e che, utilizzati in auto ed eterovalutazione, rappresentano per i partecipanti delle importanti occasioni di riflessione e sviluppo.  

Descrizione intervento

L’intervento proposto da Giunti O.S. ha permesso di conseguire i seguenti obiettivi:

  • Analizzare il fabbisogno formativo delle risorse coinvolte, attraverso una mappatura delle potenzialità delle risorse esaminate, con indicazioni specifiche su ogni risorsa in termini di aree di forza e aspetti migliorabili;
  • Acquisire indicazioni d’insieme sul gruppo di risorse coinvolte nel processo di analisi e avviare percorsi di formazione e azioni di sviluppo coerenti con essi;
  • Favorire una maggiore consapevolezza di sé da parte delle risorse coinvolte e sviluppare le competenze strategiche per Sara Assicurazioni attraverso percorsi formativi e di sviluppo costruiti ad hoc.

L’intervento è stato articolato in due macro fasi.
La prima macro fase è stata dedicata all’analisi del fabbisogno formativo e ha previsto, a sua volta, quattro fasi di lavoro:
- La progettazione delle prove, in coerenza con le core competencies di Sara Assicurazioni e attraverso le metodologie e gli strumenti Giunti O.S.:

  • Test e questionari scientificamente fondati;
  • Prove situazionali scelte ad hoc e coerenti con il contesto organizzativo, che consentono l’osservazione dei comportamenti messi in atto;
  • Le griglie di osservazione che guidano i valutatori nel registrare i comportamenti agiti dai partecipanti durante il processo di Assessment Center.

- L’erogazione degli Assessment Center, condotti da due consulenti Giunti O.S. su due giornate: nella prima sono stati effettuati i test, le prove individuali e di gruppo; il giorno successivo, ogni partecipante è stato impegnato in un colloquio individuale di circa un’ora in un orario predefinito.
- La stesura dei report individuali da parte dei consulenti Giunti O.S.. Nei report sono stati descritti dettagliatamente punti di forza e aree di sviluppo dei partecipanti. Sono state fornite anche alcune indicazioni sulla motivazione lavorativa e sui percorsi di crescita o piani di formazione utili alla persona per migliorare.
- La restituzione dei profili ai partecipanti e costruzione del piano di sviluppo, da parte dei consulenti Giunti O.S., attraverso colloqui individuali di circa 1 ora ciascuno. Durante il colloquio di feedback è stato messo a punto un piano di sviluppo, condiviso con la persona sulla base delle sue reali necessità e motivazioni, e in coerenza con quanto emerso nelle giornate di assessment.

La seconda macro fase è stata dedicata alla progettazione e alla erogazione dei percorsi formativi, che sono stati personalizzati sulla base delle aree emerse nella prima fase di lavoro. La metodologia didattica utilizzata si basa su approcci attivi, dove l’esperienza dei partecipanti è risultata essere l’elemento fondamentale della dinamica dell’apprendimento. Essa si fonda sulla capacità dei partecipanti di “rivedersi” nell’agire i propri ruoli all’interno del gruppo di lavoro, sviluppando, già in sede formativa, una consapevolezza dei propri comportamenti al fine di individuare aree di miglioramento e/o strategie di cambiamento.
È stato inoltre dato spazio al confronto e all’analisi degli specifici contesti professionali di ognuno, per favorire un benchmarking di esperienze che divenga patrimonio condiviso da tutti.

Le metodologie di aula selezionate da Giunti O.S. sono state dunque altamente attive e partecipate. Questa scelta, unita a un’attenta micro-progettazione e alle qualità dei docenti Giunti O.S., ha permesso di assicurare la riduzione dell’uso delle slide video proiettate a un numero marginale (solo quando necessario) a garanzia di una didattica realmente emozionale e coinvolgente.
Sono state utilizzate delle metodologie attive quali role playing, autocasi, brainstorming, video, discussioni di gruppo e esercitazioni outdoor, che hanno permesso ai partecipanti di diventare, con i loro vissuti, i veri attori protagonisti della formazione in atto. Le esercitazioni si sono alternate a brevi spunti teorici e a sessioni di discussione e di elaborazione di quanto emerso nel corso dell’esperienza.

Coerentemente con quanto emerso nella fase di analisi del fabbisogno formativo, sono stati progettati e realizzati due percorsi:

Self empowerment
La finalità del percorso è stata quella di lavorare sulla capacità delle persone di influenzare gli eventi (e gli altri), di liberare quel “potere” che permette di agire con determinazione, autonomia e autorevolezza raggiungendo un maggior livello di soddisfazione nel lavoro e nella vita.

Lavorare con le competenze emotive
Lo scopo del corso è stato facilitare nei partecipanti l’abilità di “riconoscimento delle emozioni” proprie ed altrui, di regolare consapevolmente le emozioni in se stessi e negli altri in contesti differenti e con diverse tipologie di interlocutori per sviluppare una comunicazione efficace.

A distanza di circa un mese dall’erogazione dei percorsi formativi, sono stati realizzati dei colloqui individuali di follow up tra docente e persona, al fine monitorare, sostenere e facilitare il piano di azione della persona. Il colloquio individuale ha consentito di dedicare una attenzione personalizzata ai partecipanti, che attraverso il confronto diretto con il docente, hanno potuto condividere le esperienze e le riflessioni, maturate in seguito al momento formativo, e ricevere indicazioni e feedback, per rendere spendibile l’esperienza formativa nel proprio ruolo e nel proprio contesto lavorativo di riferimento. 

Risultati

Il piano di intervento ha consentito di ottenere una mappatura delle potenzialità delle popolazioni aziendali chiave e di orientare i percorsi di formazione e sviluppo in coerenza con tali risultati.
Senza voler riaprire un dibattito mai concluso sul ROI delle attività formative, è innegabile che una accurata fase di analisi preliminare, porta benefici tangibili ai processi di formazione, garantendone una maggiore efficacia, grazie all’impianto metodologico rigoroso di cui l’analisi e i percorsi formativi stessi si avvalgono.
I risultati ottenuti dimostrano che gli strumenti e le metodologie Giunti O.S. danno “concretezza” a tutte le fasi del processo di analisi, di formazione e sviluppo:

  • nell’analisi del fabbisogno consentono una raccolta di informazioni più approfondita, puntuale e precisa;
  • nella costruzione del percorso forniscono indicazioni dettagliate sull’allineamento dei partecipanti rispetto alla caratteristica oggetto del corso e consentono di approfondire e integrare l’analisi grazie alla rilevazione di altre dimensioni personali;
  • nella pianificazione didattica, grazie all’analisi delle informazioni restituite dai test, offrono al formatore la possibilità di una “taratura” dell’intervento specifica e allineata alle esigenze dei partecipanti e dell’organizzazione;
  • nelle esercitazioni in aula permettono a ogni partecipante di conoscere e riflettere su punti di forza e aree di miglioramento, sviluppando quell’autoconsapevolezza indispensabile per una efficace motivazione all’apprendimento e al cambiamento;
  • infine, nella fase conclusiva, garantiscono elementi di follow-up e suggerimenti per impostare successivi interventi di sviluppo, come il coaching.

Declinare in un’ottica “quantitativa” tutti i processi HR e garantire alla formazione elementi scientifici e oggettivi, restituisce una maggiore credibilità e un nuovo consenso aziendale agli investimenti per le risorse umane.